Bob Dylan e il premio “coso” per la letteratura

On 15/10/2016 by alecascio

Bob-Dylam

 

Se sei Dario Fo, Svjatlana Aleksievič o, per citarne un altro, Tomas Tranströmer, che solo una persona su cinquemila sa che cazzo hanno fatto nella loro intera vita, allora sei contento, il Nobel te lo prendi, pensi “cazzo, finalmente il mio nome viene mostrato al mondo”, ma se sei Bob Dylan, che cantano le tue canzoni anche nei villaggi più retrogradi della Micronesia, non è che te ne frega poi tanto se la Svezia ti dà un premio prestigioso. Se alla Svezia dessero il premio Bob Dylan per la miglior nazione con capacità musicali allora sì che gli svedesi e la casa reale svedese sarebbero contenti, farebbero i salti di gioia ma non esiste un premio Bob Dylan alle nazioni e se esistesse nessuno si sognerebbe mai di darlo alla Svezia. Per capire cosa voglia dire essere Bob Dylan tutti noi dovremmo essere lui per un giorno, quando ti svegli icona e sai che tutto il mondo attorno si è plasmato con la tua musica, che forse le strade sarebbero più larghe o più strette di cinque centimetri se non fossi esistito tu, che probabilmente, per la legge di azione e reazione, per via delle coincidenze significative e le teorie di Jung, la metà delle principesse di Svezia negli ultimi 60 anni non sarebbero neanche nate senza la tua musica, allora un po’ lo pensi che ricevere un premio che porta il nome dell’inventore della dinamite non è poi sta grande cosa, se sei Bob Dylan. Forse, al massimo se cambiassero il nome del premio in Premio Bob Dylan, allora un po’ contento lo sarebbe, ma giusto un momento di sogghigni, non una cosa del tipo “ragazzi, stasera vi porto a cena fuori perché hanno dato il mio nome a un premio”, la sera guarderebbe la Tv e andrebbe a letto.
Il fatto è che è successo questo.
“Bob, ti hanno dato il Nobel, dobbiamo andare in Svezia”
“In Svezia? Ma non possono mandare la mia foto sullo schermo come per gli Emmy?”

A.Cascio

 

MEDICI SENZA FRONTIERE: DONA ON LINE
Ci mettete due minuti. Non importa se ne donate 5 o 50, quelli che potete sono ben accetti, un euro vostro vale cento loro.
Potete usare paypal o qualsiasi altra carta, un click e fate un regalo di Natale che serve davvero. Non pensateci troppo su, fatelo, potete salvare una vita così, giusto perchè oggi vi andava.

logo-it

http://www.medicisenzafrontiere.it/do

CHE ASPETTI, CLICCA E FAI QUALCOSA DI UTILE PER GLI ALTRI, BASTA IL PENSIERO

Comments are closed.