Kevin Spacey cacciato da Scott: l’ultima scelta stupida di una follia mediatica

On 09/11/2017 by alecascio

download

A me questo mondo inizia a far paura, perchè se una volta ci si aspettava che l’idiozia fosse materia dell’amico di strada con la licenza media, adesso è un fenomeno globale, un virus che passa di tastiera in tastiera contagiando anche quella parte di mondo che aveva senno e che adesso si adatta alla superficialità per non venire distrutto dalle sentenze.
Di oggi la notizia che Kevin Spacey è stato cancellato dal suo ultimo film, quello che avrebbe dovuto essere l’ultimo. La pellicola di Ridley Scott, già ultimata e pronta per le sale, è stata ritirata, gli spezzoni con Spacey tagliati e girati da Chris Plumber.
Lo hanno distrutto. Distrutto per cosa?
Ricordate quest’uomo in foto? Roman Polanski, un capo d’accusa per stupro ai danni di una 13enne, esiliato in Svizzera, non potrà mai più rientrare negli states, ancora oggi viene acclamato come maestro e nessuno ha impedito al caro Roman di girare altri cinque film dopo lo scandalo, con grandi nomi di Hollywood. Il suo Carnage acclamato da pubblico e critica lo abbiamo applaudito tutti. Eppure lui è un violentatore, non un “molestatore”, sempre che questa parola possa essere usata in questo contesto. Perchè vedete, Spacey non ha mai violentato nessuno, ha strizzato le palle a un regista sconosciuto che ha dichiarato di aver avuto sei mesi di disturbi post traumatici da stress (per una strizzata, ma insomma) e ci ha provato con un 14enne mentre era ubriaco, ma è stato respinto. Ci ha provato anche con un quindicenne spagnolo, ma è stato respinto. Spacey allora aveva 24 anni ed era alcolizzato, parliamo di 34 anni fa e non era, come molti pensano, un vecchio pedofilo, ma un ragazzo che aveva esagerato con l’alcol.e si era spinto oltre.
Pedofilia, per chi abusa di questo termine, è far sesso con bambini in età prepuberale. Molestare vuol dire infastidire, tormentare, arrecare offese o danneggiare con atti riprovevoli una persona fino a spingersi alla minaccia.
Stuprare vuol dire far sesso violento con qualcuno contro la sua volontà
E scusatemi se vi spiego l’abc, ma mi avete dato modo di comprendere che non conoscete i vocaboli che usate.
Continuando, come se non bastasse, vogliono togliere a Spacey gli Oscar, cosa che non hanno fatto con Polanski macchiatosi di un crimine ben più grave.
Mi hanno colpito molto i commenti in inglese sul profilo di Spacey, come questo: “Mr Spacey, un ragazzino di 14 anni, ma non si vergogna alla sua età?”
Nessuno, credetemi, nessuno dei 165 che hanno risposto a questo commento ha sottolineato che Spacey aveva 24 anni, che quel “non si vergogna alla sua età” non ha alcun senso.
Ma vi chiedo, a quelli più navigati, non a tutti, a quelli che amano il cinema, non a tutti: ma avete dimenticato i capolavori che vi hanno fatto sognare, che ve lo hanno fatto amare? La violenza è la vostra, da dove arriva tutta questa voglia di annientare un essere umano per uno sbaglio neanche di grave entità se si considerano gli eccessi hollywoodiani a cui siamo abituati?
C’è davvero senno in tutto questo?
Qualcuno considera forse Alfred Hitchcock un mostro, eppure anche lui ha molestato diverse donne ai suoi tempi, minacciandole di distruggere la loro carriera.
Io boicotterò “Tutti i soldi del mondo” di Scott e spero che tutti i fan di Spacey lo facciano, un modo per stare dalla parte del malcapitato e lo dichiaro qui apertamente, non rispetto Rapp, quel quarantenne attoruncolo da due soldi che ha rovinato la carriera di un grande artista per una cosa “mai successa” negli anni ’80, sarebbe dovuto andare da Spacey, dirgli le cose in faccia e vedersela con lui da uomo a uomo, da quasi coetanei quali sono. Non è da Leoni affidare la resa dei conti al web, a un cumulo di bestie feroci azzerate nella coscienza e nel buon senso, armati di maschera e predisposti alla violenza.
Mi piace pensare che uno sceneggiatore, nel buio della sua stanza, stia già stilando una sceneggiatura sulla storia di Kevin, spero che dopo tutto l’amaro il dolce arriverà, perchè sei fai film sei un grande, se fanno un film su di te sei un mito.

AC

Comments are closed.