Il vero problema dell’America sono gli americani

On 20/06/2020 by alecascio

_111631557_guns

Il fatto che gli Stati Uniti volessero coinvolgere e commuovere il mondo occidentale con la questione degli omicidi da parte dei poliziotti, mi aveva stancato fin dall’inizio, ma ne ho parlato com’è giusto che fosse.
Rivendicare il diritto di sparare e allo stesso tempo desiderare che nessuno spari a nessuno è in contrasto con qualunque buonsenso ed è un problema loro, non nostro, qualcosa che loro dovrebbero risolvere con la propria coscienza, con i propri politici, con le proprie convinzioni obsolete. Noi, con le loro scelte scellerate, non c’entriamo un cazzo, ma siano esseri umani piccoli piccoli, ci lasciamo prendere dall’emozioni anche se loro sono praticamente innamorati dei loro grossi cazzi di ferro che fanno bum bum.

Negli Stati Uniti la polizia uccide circa 1100 persone l’anno.
Il numero di poliziotti uccisi è di circa 50.
Circolano 300 milioni di armi da fuoco regolarmente detenute da privati, il numero più alto al mondo, superiore perfino alle zone di guerra.
Ci sono 355 sparatorie l’anno.
Sono il paese occidentale con più vittime da armi da fuoco, 16 volte più della Germania.
Il tasso di suicidi dei poliziotti è di 17 ogni 100.000 (il valore tra la popolazione è di 13 ogni 100.000 e su 328 milioni di abitanti).

Perchè questi dati? Per citare un articolo che spiega come avere a che fare con la polizia americana quando ti rechi negli Stati Uniti: “Tutti possono detenere un’arma da fuoco, per questo la polizia sta sempre allerta e non approccia mai nessuno in modo rilassato. Si consiglia sempre di non fare movimenti bruschi, non scendere dall’auto, mantenere le mani sul volante e nel caso si dovessero prendere i documenti dal cruscotto, farlo in modo molto lento”.

Questo per dire che a mio parere (anche se è piuttosto palese) il problema americano è la tensione che provoca il loro benedetto primo emendamento, ovvero il diritto di possedere un’arma. Un emendamento del 1791, non proprio di primo pelo. Nessuno lo cancellerà mai e non è mai stato messo in discussione (tranne in rare occasioni) perchè la NRA, l’organizzazione in favore dei possessori di armi da fuoco e ingerita, pensate un po’, dagli stessi costruttori d’armi, è la lobby politica più influente negli Stati Uniti, capace da sola di distribuire una quantità abnorme di voti a ciascun politico.

E’ questo il problema americano, prima del razzismo, prima del loro presidente.

 

Comments are closed.