Suarez e gli esami truccati: ecco com’è andata veramente

On 23/09/2020 by alecascio

Suarez stava cercando di truffare agli esami per ottenere la cittadinanza italiana e andare alla Juventus.
Secondo le prime intercettazioni è andata più o meno così:
“Completi la frase che le indico, avanti”
“Spero che tu hai preso il pane al supermercato”
“No. E’ ipotetico, spero che tu abbia”
“Che entiende?”
“Vuol dire che non ne è certo, quindi bisogna usare abbia”
“Ah, compriendo”
“Ora completi quest’altra qui sotto”
“Nonostante ho fatto il possibile, sono stato bocciato”
“No. Nonostante abbia fatto il possibile”
“Ma no es ipotetico, io ho…”
“Ma ha valore avversativo. E poi questo lo dice lei, secondo me può fare di meglio, se avesse fatto il possibile non sarebbe stato bocciato. Dica una frase a piacere”
“Credo che sta piovendo”
“Credo che stia piovendo”
“Ma sta piovendo por Dios”
“Allora perchè dice di crederlo? In italiano bisogna essere risoluti. Sta piovendo? Allora si tolga quell’indecisione di dosso, dica che sta piovendo e basta”
“Sta piovendo”
“Ne è sicuro? Si affacci alla finestra”
“Non so, ci sono le auto bagnate, credo che sta piovendo”
“Potrebbe essere brina, siamo a Torino, scenda in strada e verifichi”
“Non ho intenzione di uscire”
“Sono felice che lei abbia deciso di non uscire, avrebbe perso tempo, non piove”
“Sono felice che lei ha…”
“Abbia, sono io la professoressa qui”
“Sì ma io non sono uscito, no es ipotetico”
“Ma ho espresso uno stato d’animo, quindi va il congiuntivo”
“Ma madre di Dios!”
“Completi questa. Avendo voluto avere la facoltà di ottenere tutto ciò che avremmo voluto, avremmo dovuto …”
“Ma vete a la mierda fijo de puta”
Suarez va via, la professoressa alza lo sguardo e si rivolge all’accompagnatore.
“Allora, signor Totti, tocca a lei”
“Ma io so’ italiano signò, ce lo giuro”
“Questo lo vedremo, si sieda per favore che non ho altro tempo da perdere”.
“Che non abbia”
“Non c’è alcuna ipotesi, non ne ho davvero”
“E me sa che invece lo deve pérde, signò”

suarez

Comments are closed.